Quali interventi può prevedere l’invarianza idraulica?

La Legislazione impone di perseguire l’invarianza idraulica e idrologica delle trasformazioni d’uso del suolo al fine di evitare il verificarsi di fenomeni come l’esondazione dei ricettori finali. Occorre quindi conseguire, tramite la separazione e gestione locale delle acque meteoriche a monte dei ricettori, la riduzione quantitativa dei deflussi, il riequilibrio del regime idrogeologico e idraulico e la conseguente attenuazione del rischio idraulico. Nello specifico, l’invarianza idraulica non prevede alcun tipo di trattamento delle acque meteoriche, ma solo una loro volanizzazione, proprio per evitare l’esondazione del ricettore finale.

Condividi su