string(9) "Categorie" string(74) "https://www.idro.net/upload/blocchi/awesome-rain-wallpaper-0-PB7IVa9_1.jpg" string(4) "1335"

Acque meteoriche

Le acque pluviali che dilavano le superfici asfaltate quali aree di manovra, di passaggio o adibite alla sosta dei veicoli, rappresentano una fonte importante di inquinamento dei corpi idrici ricettori. Le fonti di questo inquinamento sono strettamente legate alle caratteristiche degli ambienti con cui l’acqua di pioggia entra in contatto da quando si forma nell’atmosfera a quando, dopo essere caduta sul suolo, è raccolta da un sistema di drenaggio ed è scaricata in un corpo ricettore.

Nell’attraversare l’atmosfera le gocce di pioggia assorbono le sostanze ivi presenti e, se l’atmosfera è inquinata, anche la pioggia si carica di inquinanti (solidi sospesi, sostanze organiche, azoto, fosforo, cloruri); una volta raggiunto il terreno le gocce acquisiscono ulteriori contaminazioni a contatto con le strade, coi rifiuti, con la vegetazione e le superfici pavimentate.

Oggi, in tutti i paesi, sono state introdotte normative specifiche atte ad accumulare o trattare le acque di prima pioggia che possono provocare inquinamento elevato nei corpi ricettori.

Questo problema è stato studiato da IDRO Group che ha messo a punto diverse tipologie di impianti per acque meteoriche adatti a piccole, medie e grandi superfici.